Incidenti spettacolari f1

Hamilton

Gli incidenti spettacolari f1: passi avanti sulla sicurezza ma il rischio è molto alto

La formula uno è uno sport ed una tradizione che dura ormai da decenni. Ogni anno stupisce tutti quelli che la seguono con auto sempre più veloci e circuiti sempre più difficili per i piloti uomini e i piloti donna sempre più agguerrite. Sono tutti messi duramente alla prova in ogni occasione e nonostante rivaleggino in pista, tutti loro si rispettano profondamente perché conoscono i rischi che si corrono ogni minuto passato in pista, in gara e nelle prove. Possono nascere dissapori e rivalità accanite, competizioni personali e dichiarazioni scomode ma nel profondo sanno che nell’ auto accanto, davanti e dietro c’è un pilota di formula uno e non un essere umano qualsiasi. Alla fine corrono su bolidi preparati specificatamente per correre su circuiti internazionali a più di 300km/h e questo la dice lunga sulla persona che le guida perché, per quanto si siano fatti passi da gigante nelle norme di sicurezza e gli standard consentiti per i circuiti e le vetture, il rischio di incidenti, a volte mortali, è molto alto e quindi ne conseguono regole ferree sulla sicurezza e una sorta di “indole innata da pilota” nei piloti stessi.

Nonostante tutti gli sforzi per rendere più sicuro questo sport gli incidenti spettacolari mortali avvengono sempre, anche se sempre meno e comunque sempre più rari quelli mortali o con conseguenze gravi per gli incidentati. Le regole sulle norme di sicurezza nei circuiti e nei box (posizione dei meccanici, vie di fuga nel circuito, ambulanze, e mezzi d’ intervento) sono sempre aggiornate come gli standard per le vetture (capsula di sicurezza, serbatoi all’ avanguardia, tute ignifughe) e rispettandole molti dei piloti coinvolti in incidenti spettacolari da vedere escono dalle vetture con le proprie gambe, spesso illesi. Nella gallery alcuni degli incidenti che anno interessato la formula uno in questi ultimi anni, alcuni incidenti spettacolari f1 altri catastrofici.

Related posts

Rispondi