Sculture creative nel mondo

A-Scene-From-The-World-War-With-Real-Size-Statues,-Eceabat,-Turkey

Sculture creative: alcune per ricordare, altre per stupire.

Parte di una struttura architettonica oppure opera plastica isolata, dall’ antichità al XIX secolo la scultura ha assecondato per lo più esigenze di celebrazione e monumentalità proprie alla committenza; se si considera quest’ aspetto, la scultura ha avuto una sua storia piuttosto piana e continua fino agli inizi del Novecento, quando un profondo rinnovamento la interessò, mutandone definitivamente lo spirito e la forma.

Oggi sarebbe più giusto parlare di indisciplina, perché le sperimentazioni sono state tali e tante che è ormai difficile distinguere tra scultura vera e propria ed altra forme ad essa assimilabili. Basta mettersi nell’ ottica giusta: per affrontare il discorso della scultura contemporanea bisogna rinunciare mentalmente alle barriere tradizionali tra generi e predisporsi ad una certa flessibilità. La cultura di un momento storico influisce sulla filosofia che a sua volta influenza l’ arte di quel momento.

Tuttora il relativismo, il soggettivismo e a volte il nichilismo sembrano essere gli atteggiamenti più diffusi nel campo del pensiero filosofico, per non parlare del rischio contrario, la massificazione. L’ arte certamente riflette queste tendenze. Aprire la mente a forme sempre nuove e diverse di espressione creativa può aiutare a non relativizzare o sminuire quello che della grande tradizione artistica, scultorea dato che parliamo di sculture creative, è certamente rimasto.

fonte immagini: GraphicsPedia

Related posts

Rispondi