Pokemon Go: sarà di nuovo Poke-mania!

pokemon go

Pokemon Go, tutti pazzi per il gioco per smartphone del futuro.

L’applicazione per gli smartphone non è ancora disponibile in Italia, ma è già un tormentone: migliaia di italiani, usando come escamotage cambiare il paese di provenienza sull’App Store, sono già riusciti a catturare decine di pokemon e a rivivere i fasti degli anni 90. Sono principalmente 3 i fattori che faranno di questo gioco uno dei più venduti nei prossimi anni: i protagonisti, i mostriciattoli nati con l’arrivo del GameBoy della Nintendo. Il loro catapultamento nella realtà, grazie alla tecnologia GPS, il che rende tutto molto più reale, il sogno di ogni ragazzo che abbia già giocato alla versione Blu o Oro sempre per GameBoy. Per finire invece il fattore più importante: l’effetto nostalgia, che prende ragazzi cresciuti tra il 1996 e il 2010 cresciuti insieme ad Ash e a Mewtwo.

Sono già tante le scene registrate nelle quali si vedono di fronte ragazzi con alla mano lo smartphone e gente che all’insaputa del gioco si trova davanti cose mai viste. Ai semafori:”E’ verde, signorina!”.”Aspetti c’è un Pikachu!!“. Oppure in America una ragazzina un po distratta in cerca di pokemon è arrivata in riva ad un fiume e si è imbattuta in un cadavere! Cosa ci fa una ragazzina in riva al fiume? Il divario tra realtà è fantasia è sempre più vicino: per esempio per i pokemon d’acqua, bisogna trovarsi nei pressi del mare o comunque in zone vicine a ruscelli fiumi o laghi! Inoltre non è possibile catturare quelli notturni di giorno.

“GO”, come dice il nome, è un invito ad andare alla ricerca di questi mostriciattoli, più habitat, più situazioni diverse sono la chiave per riempire il Pokedex. Anche se false mettono comunque all’erta le notizie di gente che muore alla guida distratta perché sta cercando un pokemon. Sono già partiti gli slogan #DontPokemonGoandDrive modellato sulla base di DontdrinkandDrive. Si sono manifestate anche alcune lamentele sul nuovo gioco come per esempio il fatto che causa surriscaldamento, oppure che brucia la batteria,è lento. Tutto questo però è in secondo piano, l’entusiasmo è padrone della situazione e lo sarà ancora per molto!

 

Related posts

Rispondi